E’ Venerdì 23 Ottobre 2020, sono le 17:30 quando il nostro Presidente, Francesca D’Aversa da’ il via alle danze, in diretta Facebook inaugurando il primo evento dell’anno associativo 2020/21.

Inizialmente pensato per essere realizzato in presenza, all’aperto, nel pieno rispetto delle normative Anti-COVID19, è stato riconvertito in corso d’opera ad evento a distanza per evitare qualsiasi forma di trasmissione del virus, entrato oramai nella nostra quotidianità.

Il format è rimasto però lo stesso: non è detto che telematico sia sinonimo di scarsa qualità o minore impegno e dedizione. Così come un prodotto non può essere giudicato dal fatto che esso derivi da un processo industriale piuttosto che artigianale. Ci sono state modifiche mirate volte a rendere quanto più interattivo possibile l’evento e in modo da non ledere lo scopo principale dell’evento, cioè quello di permettere alla maggior parte degli studenti e appassionati del mondo aerospaziale di poter interfacciarsi con un nuovo mondo: quello della dronistica, delle missioni autonome e dell’Unmanned Aerial Systems.

 

Il relatore d’eccezione, che ha basato la sua Start Up sulla ricerca e sperimentazione di sistemi automatici, Emanuele Della Volpe, CEO di Green Tech Solution.

Grazie alla sinergica collaborazione con Officina Studenti che ci ha fornito i mezzi per la realizzazione dell’evento stesso.

Fondamentali queste due realtà e i nostri associati, sempre pronti a riporre fiducia nelle nostre proposte e a fornirci spunti di riflessione oltre a nuove frontiere per il miglioramento.

Dopo la presentazione dell’evento, della nostra Associazione , di Officina Studenti ad opera della rappresentante Fabiana, e di Green Tech Solution, l’evento si è articolato in quattro sezioni essenziali a cui faremo brevemente accenno: alla fine dell’articolo una piccola sorpresa per chi si fosse perso la diretta, un video che consta delle fasi salienti.

  • L’introduzione teorica alle missioni UAV è stata il fulcro di tutta la trattazione successiva, con una panoramica generale sulle componenti software e hardware, i protocolli di trasmissione e le Ground Control Station.
  • Attraverso l’utilizzo di Mission Planning, è stato possibile mostrare l’interfaccia grafica e commentarla opportunamente, con focus sulle potenzialità. Collegato il drone, è stato possibile configurarlo e calibrarlo opportunamente.
  • La pianificazione della missione è stato il terzo step, in real-time
  • Mentre la fase finale ha previsto un’estrazione dei parametri e un’analisi della reportistica della missione autonoma.

 

L’introduzione di test intra-steps ha avuto lo scopo di mantenere viva la curiosità dei partecipanti anche se in diretta streaming.

Richiamiamo la volontà e la possibilità futura di approfondire tematiche di questo genere. Per noi il vostro feedback è importante, ci vorranno solo pochi minuti! 

EUROAVIA Napoli Cup

Chi ha partecipato all’evento Drone Calibration Test ed è iscritto all’associazione ha accumulato 10 punti EANaCup.

Se non sai ancora di cosa si tratta scopriamolo insieme

Translate »